Volkswagen T-Roc

Questa crossover compatta lunga 423 cm (che condivide il pianale con la Golf), ha linee scolpite e muscolose, con un frizzante abito bicolore che rompe un po’ gli schemi molto seriosi tipici della marca tedesca. A rendere accattivante la carrozzeria sono i tratti decisi, uniti al carattere dinamico e sportivo, con i passaruota larghi, il tetto ad arco, lo spesso montante posteriore e il lunotto molto inclinato, che crea una coda dal profilo sfuggente. Il frontale, aggressivo, dà carattere alla macchina, grazie al robusto cofano attraversato da due profonde nervature, ai sottili fari a led uniti alla mascherina e al massiccio paraurti da un lungo listello cromato. Le fiancate sono irrobustite da una evidente nervatura che corre sotto la linea alla base dei finestrini e dà volume alle lamiere. Dietro, il portellone e il paraurti scandiscono la superficie in tre parti, enfatizzando, con le loro linee orizzontali, la larghezza della macchina. Moderno e vivcace l’abitacolo: la plancia ha ampi inserti lucidi nel colore della carrozzeria che danno vivacità, il cruscotto digitale è accattivante e facile da leggere, la posto di guida è comodo. Sono un po’ rigide, invece, le plastiche della plancia e della consolle. Capiente il baule, la cui capacità è di 445/1290 litri (che, però, si riducono a 392/1237 nelle versioni 4×4). Ricca l’offerta dei motori (1.0 TSI, 1.5 TSI e 2.0 TDI), da 116 CV a 190 CV. La trazione è anteriore o integrale e il cambio manuale a sei marce o DSG a doppia frizione a 7 rapporti.t-rock

Postato il 23 novembre

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi